Un nuovo anno insieme

Apri i miei occhi, e contemplerò le meraviglie della tua legge (Salmo 119:18)

Questo messaggio inaugura un nuovo anno di meditazioni giornaliere. 

Rivolgersi alle scritture è il primo segno del timore dell’Eterno, da cui si generano anche benefici salutari. Ritengo che la terapia contro il malessere e i mali che colpiscono l’animo sia conservare la Sua parola la nel cuore: «Ho conservato la tua parola nel mio cuore per non peccare contro di te» (Salmo 119:11).
Come un tesoro accantonato per i momenti di povertà, la dispensa riempita per la carestia, nell’ora della difficoltà la Sua parola sarà in grado di dare ristoro all’anima assetata. 

Nel proiettarci nell’anno nuovo cerchiamo sempre di avere delle aspettative, almeno per rimuovere anche quanto di brutto abbiamo raccolto nell’anno terminato. Probabilmente le prime aspettative saranno proprio quelle che avevi pensato lo scorso anno e che non hai visto realizzarsi. Magari sono rimasti dei buoni propositi, nonostante l’entusiasmo, l’impegno profuso e forse anche il coraggio mostrato.

Due attività personali non dovrebbero restare fuori dai nostri programmi: leggere la Bibbia e pregare. Solitamente all’inizio si è carichi e determinati. Bastano però pochi giorni per archiviare le migliori risoluzioni. Eppure siamo consapevoli che senza l’aiuto del Signore i nostri progetti non avranno esito positivo, o quantomeno non produrranno nulla di significativo.
Per questo ti esorto a importi come prima determinazione di presentarti costantemente alla Sua presenza.
Evitiamo di aggiungere progetti senza passare prima dalla stanza della preghiera, perché probabilmente ciò che può cambiare tutto è cambiare prima me stesso.

da: Una parola per te!

Autore:Fortunato De Falco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *